Side view of I-PACE plugged in.

RIVOLUZIONE ELETTRICA

Nel 1884, quando Thomas Parker costruì la prima auto elettrica destinata alla produzione, era impossibile immaginare che ci sarebbe voluto più di un secolo per rivoluzionare il mercato dell’auto.

All’epoca, i progressi nella tecnologia dei motori a combustione interna avevano reso i veicoli elettrici (EV) obsoleti.

Fino ad ora. Il rapido sviluppo della tecnologia delle batterie ha consentito oggi ai costruttori di produrre in modo efficiente auto elettriche e ibride non solo belle, ma dalle elevate performance. Jaguar ha fatto notizia all’inizio di quest’anno con il lancio di I-PACE, la sua prima auto completamente elettrica. Capace di andare da 0 a 100 km/h in soli 4,8 secondi, e con un’autonomia di 470 km, I-PACE è un’auto rivoluzionaria, che ha cambiato la percezione del pubblico in tema di veicoli elettrici.

Sono passati I tempi in cui le auto elettriche erano percepite come dei brutti anatroccoli: ora tutti sembrano attratti dall’elettrico. Quest’anno, per la prima volta, le vendite mondiali di plug-in vehicles hanno superato il milione. In Norvegia, un terzo delle nuove auto acquistate è costituito da auto elettriche. Finalmente la mobilità sta accelerando verso l’era dell’elettrico.

I benefici vanno ben oltre l’impatto sull’ambiente. Avendo meno parti meccaniche, gli EV sono più facili da controllare attraverso i computer e questo apre la strada alla guida autonoma. Già attiva in alcune zone degli Stati Uniti, la guida autonoma diventerà pian piano diffusa in altre parti del mondo. E non solo renderà le strade più sicure, ma ci regalerà più tempo libero: invece di doverci concentrare sulla guida, il tempo impiegato al volante potrà essere utilizzato in maniera più produttiva. Tutto questo si sposa perfettamente con la visione che Jaguar ha del futuro anche grazie alla collaborazione con Waymo. La partnership con Waymo - una società a guida autonoma, originariamente nata come progetto di auto a guida autonoma di Google nel 2009 - è stata quindi una scelta naturale per entrambe le parti.

 ElectrificationArticle

L’elettrico sta trasformando anche altri aspetti del trasporto urbano. Scooter e biciclette elettriche in sharing stanno spuntando in tutto il mondo. La semplicità e la velocità di pagamento e noleggio via app rendono lo sharing un modo green e divertente di muoversi in città.

Ma naturalmente il successo della mobilità elettrica starà anche nel creare una rete di punti di ricarica ben sviluppata. Oltre a ricaricare la propria auto a casa o nelle stazioni pubbliche su strada, i proprietari di EV potranno caricare la loro auto anche al supermercato e nelle palestre. Proprio come avviene con gli smartphone e il wireless. Niente più cavi: basterà parcheggiare su una stazione di ricarica a terra. E un giorno si potrà addirittura ricaricare l’auto in movimento su strade elettrificate. E questo si evolverà in un nuovo modello di business, dove smart vehicles saranno in grado di restituire il proprio surplus di energia alla rete.

L’elettrico non si fermerà alla strada: conquisterà anche i cieli. La mobilità urbana aerea ridurrà il traffico sulle strade creando veicoli elettrici volanti e droni per le consegne di pacchi. Sembra fantascienza, vero? Non lo è, a giudicare dal successo con cui queste nuove tecnologie sono state già testate. Per il momento, la rivoluzione elettrica sta procedendo su strada. Ma è chiaro che i cambiamenti ai quali stiamo assistendo oggi rivoluzioneranno la mobilità per sempre.

Credits

Testi: Geoff Poulton / Melisa Gray-Ward
Foto: Getty Images/Schenectady Museum Hall of Electrical History Foundation CORBIS, iStock/Chesky W, Joakim Kröger

 ElectrificationArticle_2